martedì 1 giugno 2021

Chetogenica nei disturbi psichiatrici

Un’opzione valida

Immagine alimentiNella dieta chetogenica (KD), limitando i carboidrati, si attiva la lipolisi, creando chetoni da utilizzare come fonte di energia primaria del corpo invece del glucosio. Il KD originale è composto da circa l'80% di grassi, provenienti da acidi grassi a catena lunga, che si trovano negli animali o nelle piante (p. es. latticini, avocado, oli vegetali, noci, pesce grasso), 15% di proteine e 5% di carboidrati.

Indipendentemente dal programma dietetico, l'intento è quello di trasformare la fonte di carburante del corpo dal glucosio al grasso attraverso la produzione di chetoni, un processo noto come chetosi.

Di conseguenza, l'equilibrio energetico nel cervello è significativamente alterato. Si ipotizza che i corpi chetonici, come il beta-idrossibutirrato (BHB), siano più efficienti nel produrre energia per grammo di ossigeno rispetto al glucosio.

Sono state proposte diverse teorie sull'utilizzo del KD per il trattamento di condizioni mediche psichiatriche.


Nella schizofrenia

Si ritiene che il KD alteri il rapporto tra acido γ-aminobutirrico (GABA) e glutammato nel cervello, favorendo il GABA. Ipoteticamente, questo aumento del GABA può aiutare a compensare i livelli di GABA squilibrati di una persona con schizofrenia, alleviando di conseguenza sintomi come allucinazioni e deliri.

Si ritiene inoltre che le diete chetogeniche riducano le specie reattive dell'ossigeno e aumentino i livelli di adenosina trifosfato e fosfocreatina, aumentando così l'efficienza metabolica, che può fornire benefici alle persone che assumono farmaci con un rischio maggiore di aumento di peso.

Ciò può ridurre l'infiammazione nel cervello, che può portare a un sollievo sintomatico in più stati di malattia, incluso il Morbo di Alzheimer.


Nell’epilessia

Un'altra teoria riguarda la chetosi che limita l'apoptosi e l'eccitabilità neuronale, il che può spiegare la teoria alla base dei report di successo della KD in individui con epilessia.


Nell’autismo

I cambiamenti metabolici associati alla riduzione delle crisi possono anche essere applicati alla potenziale efficacia nei pazienti con disturbo dello spettro autistico (ASD) a causa di cambiamenti positivi nel microbioma intestinale.


Nel disturbo bipolare

Nel disturbo bipolare, si pensa che il plasma acido stabilizzi l'umore riducendo il sodio e il calcio intracellulari.


Nella narcolessia

Inducendo l'ipoglicemia relativa nei pazienti con narcolessia, la KD aumenta l'attivazione dei neuroni contenenti orexina per migliorare la sonnolenza diurna.


La revisione sistematica

Gli studi esaminati forniscono prove a sostegno del potenziale beneficio dell'utilizzo del KD nel trattamento della malattia di Alzheimer, dell'anoressia nervosa, dell'ASD, del disturbo bipolare, della depressione, della narcolessia e della schizofrenia.

I risultati sono positivi e tutti gli studi che hanno soddisfatto i criteri di inclusione hanno mostrato una qualche forma di beneficio in coloro che erano in grado di rimanere sulla dieta, indipendentemente dallo stato di malattia. Tuttavia, il piccolo numero di partecipanti allo studio è una limitazione che impedisce la generalizzazione.
 
I benefici e i rischi del KD dovrebbero essere considerati per ogni paziente prima di implementare cambiamenti nella dieta. Poiché le prove sono limitate, sono necessari studi più ampi e adeguatamente controllati per definire chiaramente i vantaggi dell'incorporazione del KD nel regime di trattamento psichiatrico.


Significato clinico

KD può consentire una riduzione della farmacoterapia e potenzialmente ridurre gli effetti collaterali dei farmaci indesiderati.
 

Author:Erika E Tillery, Katie D Ellis, Tiffaney B Threatt et al.

Source:Ment Health Clin. 2021 May 12;11(3):211-219. doi: 10.9740/mhc.2021.05.211. eCollection 2021 May.