martedý 4 settembre 2018

Lunga vita low-carb

O forse il giusto sta nel mezzo?

imm1Una nuova ricerca pubblicata sul Lancet suggerisce che la assunzione di carboidrati "ottimale", analizzando diete basate sul consumo molto alto e molto basso in carboidrati, si colloca da qualche parte di mezzo, per migliorare la salute a lungo termine per la maggior parte delle persone.

I dati sono quelli di uno studio osservazionale su 15.428 persone (ARIC Study): il consumo di carboidrati moderato è associato al più basso rischio di mortalità.

Inoltre, una meta-analisi degli studi sull'assunzione di carboidrati, che gli investigatori hanno aggiornato con questa e altre ricerche recenti, conferma la relazione a forma di U.

Mentre le diete a basso contenuto di carboidrati che si basano su proteine ​​e grassi di origine animale sono legate a un rischio di mortalità più elevato rispetto alle diete con moderata assunzione di carboidrati, quelle a basso contenuto di carboidrati che consistono di proteine ​​soprattutto di origine vegetale e grassi sono associate a longevità.
 
Con un follow-up mediano di 25 anni, ci sono stati 6283 decessi: il più alto rischio di mortalità è stato osservato nei partecipanti con il più basso consumo di carboidrati e in quelli con un'assunzione di carboidrati tra il 50% e il 55%.

I ricercatori hanno ampliato la meta-analisi per includere, nello studio corrente, due ulteriori studi. In totale, la meta-analisi ha coinvolto 432.179 partecipanti di otto studi di coorte che hanno studiato l'assunzione di carboidrati, con 40.181 decessi.

Come nello studio ARIC, rispetto al consumo di carboidrati moderato, il rischio di mortalità nella popolazione era significativamente maggiore tra i partecipanti con basso consumo di carboidrati, definito come meno del 40% del consumo di energia, e in quelli con alto consumo di carboidrati, come definito più del 70% dell'apporto energetico, confermando la curva a U.

La metanalisi ha anche permesso di discriminare la fonte di proteine e grassi dimostrando che, se da fonti vegetali, un più alto consumo di proteine e grassi (e quindi un minor consumo percentuale di carboidrati) si associa a longevità.
 
Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori: SB Seidelmann, B Claggett,S Cheng, M Henglin, et al
Fonte: Lancet Public Health. Published online August 16, 2018
Link della fonte: https://www.thelancet.com/journals/lanpub/article/PIIS2468-2667(18)30135-X/fulltext
 
DS Medica, da oltre 40 anni si impegna per fornire ai nutrizionisti soluzioni sempre più efficaci per la lotta all’obesità.

Tramite la divisione nutrizione Dietosystem, mette a vostra disposizione tutta l’esperienza e l’innovazione nella Suite Nutrizionale, il software completo per la gestione del paziente obeso.
Per un trattamento “d’urto” del sovrappeso, DS Medica propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.
Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.
E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.
Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti. Risolve l’urgenza della perdita ponderale e permette di accompagnare il paziente ad abitudini equilibrate per il mantenimento dei risultati raggiunti.

Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.
 
E per completare l’offerta low-charb, DS Medica mette a disposizione una linea di snack dolci e salati per la soddisfazione del palato nei pazienti a dieta, senza apporto di carboidrati.