martedì 5 febbraio 2019

Identificare i pazienti a rischio

La valutazione degli AGEs tissutali predice diabete e CVD

imm3Studi precedenti hanno dimostrato che l'autofluorescenza cutanea misurata con un lettore di AGEs stima l'accumulo di AGE nella pelle, che aumenta con l'invecchiamento ed è associato alla sindrome metabolica e al diabete di tipo 2.

Uno studio appena pubblicato ha esaminato se la misurazione dell'autofluorescenza cutanea può prevedere il rischio a 4 anni di sviluppare diabete di tipo 2, malattia cardiovascolare (CVD) e mortalità nella popolazione generale.

Per questa analisi prospettica, sono stati inclusi i 72.880 partecipanti dello Studio di coorte olandese Lifelines, che sono stati indagati per la prima volta tra il 2007 e il 2013 e avevano disponibili i valori di autofluorescenza della pelle al basale e non avevano diabete o CVD.

Nel follow-up, gli individui sono stati diagnosticati con diabete di tipo 2 mediante auto-segnalazione o  glicemia a digiuno ≥7,0 mmol / l o HbA1c ≥48 mmol / mol (≥6,5%). Ai partecipanti è stata diagnosticata una CVD incidente (infarto del miocardio, interventi coronarici, incidente cerebrovascolare, attacco ischemico transitorio, claudicatio intermittente o chirurgia vascolare) mediante auto-segnalazione. La mortalità è stata accertata utilizzando il database dei registri comunali.

Dopo un follow-up mediano di 4 anni (range 0,5-10 anni), 1056 partecipanti (1,4%) avevano sviluppato diabete di tipo 2, 1258 individui (1,7%) sono stati diagnosticati con CVD, mentre 928 (1,3%) erano deceduti. L'autofluorescenza al basale era elevata nei partecipanti con diabete di tipo 2 e / o CVD e in quelli che erano morti (tutti p <0,001), rispetto agli individui vivi e privi delle due malattie.

L'autofluorescenza cutanea ha predetto lo sviluppo del diabete di tipo 2, della CVD e della mortalità, indipendentemente da diversi fattori di rischio tradizionali, come la sindrome metabolica, la glicemia e l'HbA1c.

I ricercatori concludono che la misurazione non invasiva della pelle con autofluorescenza è di valore clinico per lo screening per il rischio futuro di diabete di tipo 2, CVD e mortalità, indipendentemente dalle misure glicemiche e dalla sindrome metabolica.

Leggi l’articolo originale in full text 
 

Autori:   van Waateringe RP, Fokkens BT, Slagter SN, van der Klauw MM, van Vliet-Ostaptchouk JV, Graaff R, Paterson AD, Smit AJ, Lutgers HL, Wolffenbuttel BHR
Fonte: Diabetologia. 2019 Feb;62(2):269-280. doi: 10.1007/s00125-018-4769-x. Epub 2018 Nov 21.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6323092/

Per questo vi consigliamo di ampliare la gamma diagnostica in ambulatorio con Age Reader, che permette di identificare i pazienti a più alto rischio.
Per la tua professione, scegli i prodotti migliori.
DS Medica mette a tua disposizione Age Reader, il lettore della autofluorescenza della pelle che permette in modo non invasivo di misurare il contenuto di AGEs cutanei, e quindi di perfezionare la valutazione del rischio cardiovascolare e di diabete nei tuoi pazienti.

BROCHURE E SCHEDA TECNICA
APPLICAZIONI CLINICHE