martedì 5 marzo 2019

La chetogenica nelle malattie degenerative

La chetogenica è la dieta per l’epilessia refrattaria. Allargando le vedute, potrebbe avere un impatto su malattie quali il morbo di Alzheimer e il Parkinson? Una revisione degli ultimi studi in merito

imm3La chetogenica è una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi. La sua implementazione ha un effetto simile al digiuno, che porta il corpo in uno stato di chetosi.

La dieta chetogenica è stata usata per quasi 100 anni nella terapia dell'epilessia resistente ai farmaci, ma gli studi attuali ne indicano possibili effetti neuroprotettivi.

Non sono molti gli studi che ne hanno indagato una possibile applicazione per la prevenzione del morbo di Parkinson (PD) e del morbo di Alzheimer (AD).

Sull’uomo, ha dimostrato una riduzione dei sintomi della malattia.

L'applicazione della dieta chetogenica agli anziani, tuttavia, solleva alcune preoccupazioni.

Le persone con malattie neurodegenerative sono a rischio di malnutrizione, mentre la riduzione dell'assunzione di cibo è associata a sintomi di malattia. A sua volta, la dieta chetogenica porta ad un appetito ridotto; non è attraente dal punto di vista organolettico e può essere accompagnata da effetti collaterali del sistema gastrointestinale. Tutto ciò può portare ad un ulteriore abbassamento delle porzioni di cibo consumato da parte di persone anziane con malattie neurodegenerative e, di conseguenza, a un'ulteriore riduzione dei nutrienti dalla dieta. Non sono disponibili dati sull'applicazione a lungo termine della dieta chetogenica in pazienti con malattia neurodegenerativa o dati sui suoi effetti sui sintomi della malattia.

Gli studi condotti su un modello animale di malattia di Alzheimer indicano un possibile effetto benefico della chetogenica: sembra ridurre i volumi di beta amiloide.

È stato inoltre osservato che una somministrazione a lungo termine di esteri di corpi chetonici ai topi ha migliorato le loro funzioni cognitive e ridotto la beta amiloide e le proteine tau altamente fosforilate nel cervello. I benefici del KD sono stati dimostrati anche per quanto riguarda le funzioni motorie degli animali da esperimento, senza però alcun effetto sui depositi di beta amiloide o di proteina tau.

Sugli esseri umani, la KD ha un impatto potenziale sul decorso della malattia di Alzheimer: la somministrazione orale di trigliceridi a catena media ha portato all'aumento dei livelli plasmatici dei corpi chetonici e che può migliorare il funzionamento cognitivo negli anziani con disturbi della memoria. Valori chetonici più alti sono stati associati a un miglioramento cognitivo maggiore rispetto al placebo su tutti i soggetti.

Il deterioramento cognitivo lieve (MCI) è una condizione precedente alla demenza e la prima manifestazione di neurodegenerazione in persone con malattia di Alzheimer.

Un alto contenuto di carboidrati (50% di energia da carboidrati) o una dieta a basso contenuto di carboidrati (5-10% di energia da carboidrati, cioè 20-50 g di carboidrati al giorno) in 23 soggetti, dopo 6 settimane di intervento, ha sortito un miglioramento delle prestazioni della memoria verbale per i soggetti a dieta a basso contenuto di carboidrati. I livelli di corpi chetonici erano positivamente correlati con le prestazioni della memoria. Gli autori hanno concluso che anche l'uso a breve termine di una dieta a basso contenuto di carboidrati potrebbe migliorare la funzione di memoria negli anziani con un aumentato rischio di AD. Sebbene l'effetto osservato possa essere attribuibile in parte alla correzione dell'iperinsulinemia, anche altri meccanismi associati alla chetosi, come la riduzione dell'infiammazione e il potenziamento del metabolismo energetico, possono aver contribuito al miglioramento del funzionamento neurocognitivo.

Viene anche discussa un'altra possibile influenza di KD sul decorso della demenza e della malattia di Alzheimer. Gli studi indicano che un maggiore apporto alimentare di acidi grassi insaturi (in particolare acidi grassi polinsaturi e omega 3) può comportare un rischio inferiore di questa condizione.

Nel morbo di Parkinson (PD), i neuroni dopaminergici nella substantia nigra sono affetti da un processo di degenerazione che porta a disturbi motori e non motori. Gli studi su animali e in vitro hanno dimostrato un effetto benefico dei corpi chetonici sul decorso della PD. L'1-metil-4-fenil-1,2,3,6-tetraidropiridina (MPTP) ha prodotto la morte delle cellule narciache dopaminergiche, sia in vitro che in vivo, producendo una sindrome indistinguibile dal morbo di Parkinson. È stato dimostrato che il beta-idrossibutirrato agisce in vitro come agente neuroprotettivo contro la tossicità dell'MPTP sui neuroni dopaminergici.

Studi in vitro hanno rivelato anche un'influenza potenzialmente vantaggiosa dei corpi chetonici sulla funzionalità delle sinapsi nella disfunzione indotta della catena mitocondriale respiratoria, causata da una somministrazione di rotenone, un inibitore del complesso I e dell'acido 3-nitropropionico, che è un inibitore del complesso II.

Gli effetti protettivi dei corpi chetonici potrebbero derivare da un'attività antiossidante, una migliore sintesi di ATP e dall'effetto sul canale del potassio sensibile all'ATP (KATP).

In altri studi, sono stati descritti gli effetti benefici dei corpi chetonici, derivanti da una condizione infiammatoria attenuata indotta dalla somministrazione di MPTP e da una ridotta apoptosi delle cellule dopaminergiche esposte a sostanze che causano la loro morte.

Hanno valutato l'effetto di una dieta povera di grassi contro la chetogenica in 47 pazienti con malattia di Parkinson (38 persone hanno completato lo studio). La dieta povera di grassi prevedeva 1750 kcal al giorno, era composta da 42 g di grassi (circa il 22% di energia), 75 g di proteine ​​(17% di energia), 246 g di carboidrati (56% di energia) e 33 g di fibra (5%). La dieta chetogenica forniva 1750 kcal al giorno, ed era composta da 152 g di grassi (circa il 78% di energia), 75 g di proteine ​​(17% di energia), 16 g di carboidrati (3-5% di energia) e 11 g di fibra (1-5% di energia).

Per coloro che hanno un fabbisogno energetico superiore, è stato preparato un potenziatore di calorie con una proporzione adeguata di dieta di macronutrienti. Le diete sono state seguite per otto settimane. Entrambi i gruppi di dieta hanno mostrato sintomi motori e non motori significativamente migliorati; tuttavia, il gruppo in chetogenica, ha mostrato miglioramenti maggiori nei sintomi non motori.

I risultati disponibili dei progetti di ricerca riguardanti l'uso del KD e dei corpi chetonici nelle malattie neurodegenerative sono abbastanza promettenti. Allo stesso tempo, la maggior parte di questi studi è stata impiegata in vitro o utilizzando modelli animali. Il numero di studi con partecipazione umana è piuttosto piccolo e quelli esistenti presentano periodi di durata della terapia relativamente brevi. È piuttosto difficile dire quanto sia significativo questo approccio terapeutico in futuro, soprattutto perché l'uso della sola dieta è difficile e riguarda gli anziani con possibili malattie concomitanti che possono imporre alcuni vincoli sulla possibilità di applicazione della KD.

 Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori:  Włodarek D1.
Fonte:. Nutrients. 2019 Jan 15;11(1). pii: E169. doi: 10.3390/nu11010169.
Link della fonte:  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6356942/