martedý 11 maggio 2021

Chetosi o non chetosi?

Stretta

Immagine metroCon l'aumentare dell'incidenza delle malattie croniche non trasmissibili (CNCD), gli approcci preventivi diventano più cruciali.

Una recente revisione ha valutato gli effetti della restrizione calorica sugli esseri umani, confrontando i benefici e i rischi di diverse diete: restrizione calorica classica vs diete che inducono chetosi, incluso il digiuno intermittente (IF), dieta chetogenica classica (CKD), digiuno imitando la dieta (FMD), la dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico (VLCKD) e la dieta mediterranea chetogenica spagnola (SKMD).

Particolare enfasi è stata posta sulla resistenza all'insulina (IR), in quanto media la sindrome metabolica (SM), un noto fattore di rischio per CNCD, ed è predittiva della diagnosi di SM.


La revisione

La CR è l'intervento più robusto e noto per aumentare la durata della vita e la durata della salute, con evidenze elevate e meccanismi biochimici noti.

La CR migliora i parametri di rischio cardiometabolico, aumenta la risposta alla sensibilità all'insulina durante l'esercizio e potrebbero esserci vantaggi nell'implementazione di una CR moderata su individui sani giovani e di mezza età. Tuttavia, non ci sono prove sufficienti per supportare la CR a lungo termine.

La CKD è efficace per la gestione del peso e della SM e può avere ulteriori benefici come la prevenzione della perdita muscolare e il controllo dell'appetito. I carboidrati sono la principale fonte di energia utilizzata dall'organismo. Quando vengono assunti meno di 50 g di carboidrati al giorno, la secrezione di insulina diminuisce in modo significativo e il corpo entra in uno stato catabolico. Le riserve di glicogeno si esauriscono e l'organismo è costretto a entrare in cambiamenti metabolici, principalmente: gluconeogenesi (produzione di glucosio endogeno) e chetogenesi (produzione di corpi chetonici da parte del fegato). I corpi chetonici (KB) sono molecole guidate dai lipidi (beta-ossidazione) e agiscono come substrati alternativi per la produzione di energia durante il digiuno e le diete a basso contenuto di carboidrati. I KB agiscono come potenti agenti anoressigeni, riducendo il neuropeptide cerebrale Y, mantenendo la risposta al pasto della colecistochinina (CCK) e diminuendo la grelina circolante, con una riduzione generale della fame percepita e dell'assunzione di cibo, aumentando la perdita di peso e la tollerabilità della dieta.

La SKMD ha benefici di estrema importanza per tutti i parametri metabolici studiati. SKMD include l'olio d'oliva vergine come fonte principale di grassi, un consumo moderato di vino rosso, verdure verdi e insalate come fonte principale di carboidrati e pesce come fonte principale di proteine. Questo tipo di dieta ha dimostrato di ridurre notevolmente peso e massa grassa attraverso i seguenti meccanismi:
  1. è una dieta a basso contenuto di carboidrati e riduce i livelli di glucosio a digiuno, anche indipendentemente dalla perdita di peso.
  2. È una dieta ricca di acidi grassi monoinsaturi e previene l'IR indotta da una dieta ricca di carboidrati in soggetti resistenti all'insulina.
  3. L'acido docosaesaenoico-acido eicosatetraenoico (DHA-EPA) migliorano anche la sensibilità all'insulina.

Gli studi mostrano invece benefici incoerenti dell'IF rispetto alla CR classica.


Significato clinico

Il consenso internazionale stabilisce i carboidrati come base della piramide alimentare per un'alimentazione sana e sostiene che l'approccio migliore per perdere peso sia attraverso la riduzione delle calorie, principalmente da fonti di grassi. Inoltre, vi è la convinzione che le diete chetogeniche possano portare allo sviluppo di varie malattie.
 
Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che le diete che inducono la chetosi sono più sane, poiché aiutano a preservare la massa muscolare aumentando la perdita di grasso, riducono l'appetito, inducono la termogenesi metabolica, promuovono un profilo lipidico non aterogenico, riducono la pressione arteriosa e riducono l'IR migliorando il glucosio e livelli di insulina.
 

Author:Ana NapoleŃo, LÝvia Fernandes, Cßtia Miranda, Ana Paula Marum

Source:Nutrients 2021 Apr 15;13(4):1302. doi: 10.3390/nu13041302.