martedý 11 giugno 2019

Chetogenica e diabete: la strategia vincente

Per molti, magari non per tutti, ma efficace

imm2Per decenni, la patogenesi dell'obesità è stata spiegata come calorie introdotte in quantità superiori al dispendio energetico. Più recentemente, la discussione scientifica sulla patogenesi dell'obesità si è focalizzata sulla domanda: "Una caloria è una caloria?", ovvero: il consumo di diversi tipi di alimenti predispone all'aumento di peso indipendentemente dal numero di calorie consumate? 

Secondo una recente dichiarazione della Società di Endocrinologia, la risposta a questa domanda è "sì", cioè quando l'apporto calorico è mantenuto costante, il peso corporeo non è influenzato dai cambiamenti nella quantità e nel tipo di nutrienti nella dieta.

Tuttavia, è noto che il tipo di cibo influisce sul numero di calorie consumate, ad esempio le diete ad alto contenuto di zuccheri semplici e carboidrati trasformati sono solitamente ad alto contenuto calorico e basso contenuto di fibre (favorevoli alla sazietà) e altri nutrienti, favorendo un aumento dell'energia complessiva assunta.

Le diete a basso contenuto di carboidrati e chetogeniche sono popolari tra medici e pazienti, ma è ancora dibattuta l'opportunità di ridurre l'assunzione di carboidrati nei pazienti obesi e nei pazienti con diabete 1 e 2.
Una revisione recentissima, a cura dell’Istituto di ricerca sul diabete del San Raffaele di Milano ha esplorato il possibile ruolo delle diete low-carb e chetogeniche nella patogenesi e nella gestione del diabete di tipo 2 e dell'obesità. Inoltre, ha esaminato le prove della restrizione dei carboidrati sia nella patogenesi del diabete di tipo 1 attraverso la modificazione del microbiota intestinale, sia nel trattamento del diabete di tipo 1.

La sintesi:

- una dieta low-carb riduce il peso corporeo e, nei pazienti con diabete di tipo 2, migliora il controllo glicemico, con un effetto più forte con una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati chetogenica (KD). Tuttavia, LCD e KD potrebbero non essere appropriati per tutti gli individui: soprattutto nei pazienti con diabete di tipo 2, è necessario bilanciare il potenziale aumento del rischio cardiovascolare a causa del profilo lipidico sfavorevole osservato con KD (ad alto contenuto di grassi) con i benefici derivanti dalla perdita di peso e dal miglioramento del controllo glicemico. Inoltre, la conformità a lungo termine con diete a basso contenuto di CHO è ancora in discussione.

- Il microbiota intestinale riveste un ruolo importante nel modulare il processo autoimmune, favorendo l'autoimmunità in presenza di predisposizione genetica e cambiamenti nella dieta. Tuttavia, non è ancora chiaro se un LCD / KD possa essere protettivo contro lo sviluppo di autoimmunità e prevenire o ritardare l'insorgenza di T1D.

- Nel diabete di tipo 1, non ci sono prove che un LCD o un KD possano ritardare o prevenire l'insorgenza della malattia. Queste diete potenzialmente migliorano il controllo metabolico, ma è necessaria cautela a causa del rischio di chetoacidosi diabetica, di peggioramento del profilo lipidico e, nei bambini, dell'impatto sconosciuto sulla crescita.

- Anche negli studi nella popolazione generale in cui un'assunzione di CHO più elevata è stata associata a esiti peggiori, il consumo di macronutrienti più sani era associato a una diminuzione della mortalità cardiovascolare e non. La fonte dei macronutrienti, ovvero la qualità CHO, non sono fattori trascurabili e preferire le fibre e gli alimenti ricchi di nutrienti è una buona opzione per tutti. Per questo motivo, è importante valutare non solo la quantità di CHO, ma anche il loro tipo.

- E poi, l’esercizio fisico: come dalla recente dichiarazione di posizione dell'American Diabetes Association: "L'attività fisica e l'esercizio fisico dovrebbero essere raccomandati e prescritti a tutti gli individui con diabete come parte della gestione del controllo glicemico e della salute generale. Le raccomandazioni e le precauzioni specifiche variano in base al tipo di diabete, all'età, all'attività svolta e alla presenza di complicanze sanitarie legate al diabete. Le raccomandazioni dovrebbero essere adattate per soddisfare le esigenze specifiche di ogni individuo…".
 

Autori: Bolla AM, Caretto A, Laurenzi A, Scavini M, Piemonti L
Fonte: Nutrients. 2019 Apr 26;11(5). pii: E962. doi: 10.3390/nu11050962.
Link della fonte: https://www.mdpi.com/2072-6643/11/5/962/htm