martedì 15 gennaio 2019

Proteine sazianti

Bastano pasti proteici, non iperproteici

imm1Le diete ipocaloriche provocano deficit energetico e sono praticate dagli atleti a breve termine per rientrare in una classe di peso. Queste strategie spesso prevedono assunzioni di proteine ​​elevate per massimizzare la sazietà e preservare la massa magra nonostante una scarsità di introito calorico.

Uno studio inglese ha confrontato l'effetto saziante di due diete proteiche su individui addestrati alla resistenza durante il deficit energetico a breve termine.

A seguito di approvazione etica, 16 partecipanti (età: 28 ± 2 anni, altezza: 1,72 ± 0,03 m, massa corporea: 88,83 ± 5,54 kg, grasso corporeo: 21,85 ± 1,82%) sono stati assegnati in modo casuale a 7 giorni di dieta proteica (1,8 g · kg-1 · d-1) o iperproteica (2.9 g · kg-1 · d-1) in un disegno cross-over.

Solo la soddisfazione percepita era significativamente maggiore in seguito a pasti iperproteici e contemporaneamente anche le voglie risultavano aumentate con i pasti proteici.

Dal punto di vista biochimico, la concentrazione assoluta di grelina è diminuita in entrambi i casi, ma rimanendo più bassa a 2 ore dal pasto proteico rispetto all’iperproteico.

La concentrazione assoluta del PYY intestinale è aumentata in misura analoga dopo entrambi i pasti ma quando espressa come differenza relativa, il cambiamento era significativamente maggiore 2 ore dopo il pasto proteico.

La fame percepita, la pienezza e la soddisfazione post-pasto erano comparabili tra diete. Tuttavia, il desiderio di mangiare è rimasto significativamente attenuato per una assunzione proteica di 1.8 g/Kg/die, dimostrando quindi che una dieta fortemente iperproteica non conferisce ulteriori benefici sazianti agli individui addestrati alla resistenza durante il deficit energetico a breve termine.

Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori: Roberts J, Zinchenko A, Mahbubani K, Johnstone J, Smith L, Merzbach V, Blacutt M, Banderas O, Villasenor L, Vårvik FT, Henselmans M
Fonte: Nutrients. 2018 Dec 28;11(1). pii: E56. doi: 10.3390/nu11010056.
Link della fonte: https://www.mdpi.com/2072-6643/11/1/56