martedý 16 ottobre 2018

Niente carboidrati la mattina!

Cominciare bene la giornata, senza i carboidrati

imm2Limitare i carboidrati al mattino, oltre a seguire una dieta mediterranea ipocalorica, ha portato a perdere più massa grassa, a un indice di massa corporea più basso (BMI) e una circonferenza della vita ridotta rispetto alla sola dieta mediterranea.
 
Entrambe le diete hanno avuto lo stesso effetto sugli esiti glicemici nei pazienti obesi e in sovrappeso, un terzo dei quali ha avuto anche diabete di tipo 2, ma la cosiddetta "dieta restrittiva dei carboidrati del mattino" ha prodotto esiti leggermente peggiori per quanto riguarda i lipidi rispetto alla sola dieta mediterranea .
 
Dimitrios Tsilingiris, MD, dell'Università Nazionale e Kapodistriana di Atene, Grecia, ha presentato i risultati all'Assemblea Annuale dell'Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) 2018
 
La dieta ipocalorica a ridotto contenuto di carboidrati potrebbe offrire alcuni benefici favorendo la compliance. È noto che le diete povere di carboidrati raggiungono un peso e una perdita di grasso rapidi, oltre a migliorare i fattori di rischio cardiovascolare e la steatosi epatica a breve termine.
Tuttavia, queste diete spesso hanno una versatilità limitata e la disponibilità di alimenti a basso contenuto di carboidrati può comprometterne la fattibilità senza carenze nutrizionali.
 
In teoria, indurre una minore risposta insulinica dopo una colazione a basso contenuto di carboidrati dovrebbe significare che possiamo prolungare la bassa insulina e lo stato di mobilizzazione dei grassi notturni, con conseguenti effetti netti sul peso e sulla perdita di grasso.
 
L'apporto calorico medio per entrambe le diete era 1300-1500 Kcal.
Lo studio si proponeva di confrontare l'effetto di una dieta a "carboidrati ristretti" ad una normale dieta ipocalorica di tipo mediterraneo (controllo) di 8 settimane sui cambiamenti di peso corporeo, indice di massa corporea (BMI), circonferenza della vita e massa grassa corporea (parametri antropometrici). Sono state monitorate anche le modifiche ai marcatori glicemici (glicemia a digiuno e HbA1c) e alla sensibilità all'insulina (valutazione del modello omeostatico - resistenza all'insulina, HOMA-IR) e al profilo lipidico.
 
In totale sono stati arruolati nello studio 70 pazienti (58,6% donne) in sovrappeso o obesi, circa un terzo dei quali con diabete. I partecipanti avevano un'età media di 50 anni e un BMI medio di 34 kg / m2.
Per la dieta a basso contenuto di carboidrati del mattino, i partecipanti hanno consumato tra i 300-500 kcal di alimenti a bassissimo contenuto di carboidrati (ad esempio uova, formaggio a pasta dura, prosciutto, salsiccia) suddivisi tra colazione e spuntino a metà mattina.
 
La dieta mediterranea (controllo) comprendeva 300 kcal di alimenti tipici mediterranei suddivisi tra colazione e spuntino a metà mattina.
 
Le due diete erano identiche per il resto della giornata e comprendevano cibi tipici mediterranei; il restante apporto calorico è stato suddiviso in pranzo (45-55%), merenda (10-20%) e cena (30-40%). Ai partecipanti è stato chiesto di mantenere un livello stabile di attività durante il periodo di follow-up. L'apporto calorico medio era compreso tra 1300 e 1500 kcal / giorno per entrambe le diete.
 
Alla fine dello studio, la perdita di peso media era di 3,5 kg maggiore per quelli nella dieta ristretta in carboidrati del mattino rispetto alla dieta mediterranea. E anche gli altri parametri antropometrici riflettevano la perdita di massa grassa, anche a livello addominale (circonferenza vita).
 
Tutti i partecipanti a dieta hanno raggiunto la perdita di peso corporeo al basale di ≥ 5% alla fine dello studio rispetto al 65,7% nel gruppo di controllo (P <0,001).
 
Per le altre misure, tra cui HbA1c, i risultati non hanno mostrato differenze significative tra i due gruppi.
Per quanto riguarda il profilo lipidico plasmatico, il colesterolo lipidico ad alta densità (buono) è diminuito in entrambi i gruppi, da 1,28 a 1,21 mmol / L nel gruppo con dieta a basso contenuto di carboidrati del mattino e da 1,4 a 1,33 mmol / L nel gruppo dieta mediterranea.
 
I trigliceridi sono diminuiti un po ', e in misura maggiore, tra quelli della tradizionale dieta mediterranea, da 1,51 a 1,19 mmol / L, rispetto a quelli della dieta ipocalorica a digiuno di carboidrati, da 1,33 a 1,16 mmol / L.
 
Riunione annuale dell'Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) 2018; 4 ottobre 2018; Berlino, Germania. Abstract 193.
 

Fonte: https://www.medscape.com/viewarticle/903159?nlid=125487_4562&src=wnl_dne_181010_mscpedit&uac=144674SN&impID=1764891&faf=1
 
DS Medica, da oltre 40 anni si impegna per fornire ai nutrizionisti soluzioni sempre più efficaci per la lotta all’obesità.
Tramite la divisione nutrizione Dietosystem, mette a vostra disposizione tutta l’esperienza e l’innovazione nella Suite Nutrizionale, il software completo per la gestione del paziente obeso.
Per un trattamento “d’urto” del sovrappeso, DS Medica propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.

Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.

E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.
Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti. Risolve l’urgenza della perdita ponderale e permette di accompagnare il paziente ad abitudini equilibrate per il mantenimento dei risultati raggiunti.

Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.
 
E per completare l’offerta low-charb, DS Medica mette a disposizione una linea di snack dolci e salati per la soddisfazione del palato nei pazienti a dieta, senza apporto di carboidrati.