martedì 21 gennaio 2020

Sinergia tra chetogenica e terapie oncologiche

Il meccanismo non è ancora conosciuto, ma l’effetto positivo si vede

Immagine dieta chetogenicaI dati preclinici forniscono prove di sinergismo tra le diete chetogeniche (KD) e altre terapie oncologiche.

Una recentissima revisione sistematica condotta da ricercatori tedeschi ha riassunto i dati provenienti da studi clinici che hanno testato KD insieme ad altri trattamenti utilizzati in oncologia medica (chirurgia, radioterapia, chemioterapia o terapia mirata) e in cui sono stati riportati almeno uno dei seguenti quattro risultati:

(i) Sopravvivenza globale (OS);
(ii) sopravvivenza libera da progressione (PFS);
(iii) tasso di controllo locale;
(iv) cambiamenti nella composizione corporea.

Sono stati identificati dodici documenti che riportavano 13 studi clinici. Nove studi erano prospettici e sei avevano un gruppo di controllo, ma solo due erano randomizzati.

La prescrizione di KD variava ampiamente tra gli studi ed è stata descritta solo in modo approssimativo nella maggior parte degli articoli.

Gli eventi avversi attribuiti alla dieta erano rari e solo lievi (grado 1-2) ad eccezione di un evento di grado 4 possibilmente correlato alla dieta.

Gli studi che riportano i cambiamenti nella composizione corporea hanno riscontrato effetti benefici di KD in popolazioni di pazienti in sovrappeso e fragili. Gli effetti benefici di KD su OS e / o PFS sono stati trovati in quattro studi, incluso uno studio randomizzato controllato.

Si stanno accumulando prove degli effetti benefici di KD durante la terapia del cancro, ma sono necessari ulteriori studi di alta qualità per valutare la forza complessiva delle prove.

Già nel 500 a.C., il digiuno veniva usato come trattamento efficace per molti disturbi medici. Il digiuno continuò nei tempi moderni e, nel 1910, Guelpa e Marie proposero il digiuno come trattamento antiepilettico. Nel 1921, Woodyatt notò che la fame o l'uso di diete ricche di grassi e povera di carboidrati in individui senza significative comorbidità mediche producevano acetone e β-idrossibutirrato, 2 fonti energetiche prodotte dal fegato in assenza di glucosio. Una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi era considerata un'alternativa al digiuno o alla fame, avendo molti degli stessi effetti desiderati continuando a nutrire le cellule sane. Il termine dieta chetogenica (KD) è stato successivamente coniato da Wilder e Peterman, che hanno formulato il rapporto grassi-carboidrati che è ancora usato oggi: 1 g di proteine ​​per kg di peso corporeo nei bambini e 10-15 g di carboidrati al giorno e grasso per il resto delle calorie. Entrambi i ricercatori hanno riferito che questa dieta ha migliorato l’umore e la cognizione dei loro pazienti.

L'uso di KD come adiuvante per la terapia del cancro ha iniziato a emergere nel 1922, quando Braunstein notò che il glucosio scompariva dalle urine dei pazienti con diabete dopo che gli era stato diagnosticato un cancro, suggerendo che il glucosio veniva reclutato in aree cancerose dove veniva consumato a tassi più alti del normale. Nello stesso tempo, il premio Nobel Otto Warburg ha scoperto che le cellule tumorali prosperano con glicolisi, producendo alti livelli di lattato, anche in presenza di abbondante ossigeno.

I dati provenienti da casi clinici e studi clinici suggeriscono che l'uso di KD è sicuro e tollerabile per i pazienti con cancro. L'esame dei modelli di espressione genica nei mitocondri e delle mutazioni negli enzimi chetolitici e glicolitici può rivelarsi utile nella selezione di pazienti potenzialmente sensibili. La combinazione di questo approccio dietetico con le opzioni chemioterapiche e radioterapiche standard può aiutare a migliorare la risposta del tumore e ulteriori ricerche sono disperatamente necessarie.


Autori: Klement RJ, Brehm N, Sweeney RA.
Fonte: Med Oncol. 2020 Jan 11;37(2):14. doi: 10.1007/s12032-020-1337-2.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31927631