martedý 21 aprile 2020

Proteine nella chetogenica, meglio se vegetali

Via i carboidrati!

immagine proteine vegetaliLe diete povere di carboidrati sono generalmente definite da un apporto di carboidrati inferiore al 40% dell'apporto energetico giornaliero totale. Le diete chetogeniche sono definite come diete ricche di grassi e con carboidrati molto bassi (in genere da meno del 30% a 40% dell'apporto energetico giornaliero totale), con l'obiettivo di indurre la chetosi nutrizionale.

Le diete povere di carboidrati sono associate alla perdita di peso nei pazienti obesi, sebbene non siano disponibili prove a lungo termine del mantenimento della perdita di peso. 

Una meta-analisi del 2016 di 11 RCT (N = 1369) con 6-24 mesi di follow-up rispetto alla consulenza dietetica e una dieta a basso contenuto di carboidrati (da 20 a 40 g di assunzione giornaliera di carboidrati) o una dieta a basso contenuto di grassi (10% al 30% del consumo totale di energia sotto forma di grasso) in adulti obesi (indice di massa corporea di 30,6-36,1 kg / m 2) ha rilevato una differenza media di peso inferiore di 2,17 kg (IC 95% da -3,36 a -0,99 kg) per diete a basso contenuto di carboidrati rispetto alle diete a basso contenuto di grassi.

Il trattamento del diabete mellito di tipo 2 con diete a basso contenuto di carboidrati ha dimostrato una riduzione dell'emoglobina glicata.

Una meta-analisi del 2017 di 10 studi randomizzati con 3 - 24 mesi di follow-up (N = 1376 pazienti con diabete di tipo 2 da 7 paesi) ha rilevato che una dieta a basso o moderato contenuto di carboidrati (<45% dell'apporto energetico giornaliero totale) ha indotto una riduzione dello 0,34%  dei livelli di emoglobina glicata rispetto a una dieta ricca di carboidrati (dal 45% al ​​60% dell'apporto energetico giornaliero totale) per il primo anno di cambiamento dietetico; tuttavia, questo effetto non è persistito al follow-up di 1 anno o più tardi. La misura della restrizione dei carboidrati era correlata alla diminuzione del livello di glucosio ( R = −0,85, P <.01).

Uno studio del 2018 con disegno pre-post non randomizzato controllato (N = 349) ha consentito ai partecipanti allo studio con diabete di tipo 2 di scegliere tra una dieta chetogenica, con monitoraggio remoto continuo del chetone sierico e coaching sullo stile di vita e cura del diabete abituale, con farmaci e supporto infermieristico. 

Nel gruppo che ha scelto la dieta chetogenica, i livelli di emoglobina glicata sono diminuiti del 17%, il peso corporeo del 12% ( P <0,001) e si è verificata una diminuita necessità di farmaci per il diabete. Il sessanta percento di coloro che seguono la dieta chetogenica sono stati in grado di raggiungere livelli nella norma di emoglobina glicata interrompendo tutti i farmaci per il diabete o solo con la metformina, mentre solo il 10% di coloro che hanno le normali cure per il diabete sono stati in grado di ottenere questo risultato. Il gruppo di controllo delle cure abituali non ha riportato variazioni significative di peso, uso di farmaci, livelli di HbA 1c o altri biomarcatori.

Le diete a basso contenuto di carboidrati integrate con proteine ​​di origine animale sono associate ad un aumento della mortalità rispetto alle diete a base di carboidrati moderati, mentre le diete a basso contenuto di carboidrati con proteine ​​di origine vegetale sono associate a una ridotta mortalità.

Una meta-analisi del 2018 di 8 studi di coorte prospettici (N = 432 179) che includeva pazienti in sovrappeso di 21 paesi diversi con un follow-up tra 7 e 26 anni ha mostrato mortalità più bassa con un consumo medio di carboidrati nella dieta dal 50% al 55% del consumo totale giornaliero di energia, rispetto a una dieta a basso contenuto di carboidrati (<40% dell'apporto energetico giornaliero totale; hazard ratio [HR] di 1,20, IC 95% da 1,09 a 1,32) o una dieta ricca di carboidrati (> 60% del totale apporto energetico giornaliero; FC = 1,23, IC 95% da 1,11 a 1,36).

In particolare, in una dieta a basso contenuto di carboidrati, se l'energia dei carboidrati è stata sostituita con proteine ​​di origine animale o fonti di grasso, è stata associata ad un aumento della mortalità con un HR di 1,18 (IC 95% da 1,09 a 1,29), rispetto alla diminuzione della mortalità se il l'energia è stata sostituita con proteine ​​di origine vegetale (HR = 0,82, IC 95% da 0,78 a 0,87).
 
 
Autori: Roselyn W Clemente Fuentes, Christine M Broszko, Elizabeth S Pietralcyzk, Joan Nashelsky
Fonte: Can Fam Physician. 2020 Apr;66(4):262-263.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7145128/