martedì 25 settembre 2018

Chetogenica anti-Alzheimer

Attività antiossidante e antinfiammatoria alla base della neuroprotezione

imm2La dieta chetogenica, originariamente sviluppata per il trattamento dell'epilessia nei bambini non responders, si sta diffondendo per essere utilizzata nel trattamento di molte malattie, tra cui il morbo di Alzheimer. 

L'attività principale della dieta chetogenica è stata correlata al miglioramento della funzione mitocondriale e alla riduzione dello stress ossidativo

Il B-idrossibutirrato, il corpo chetonico più studiato, ha dimostrato di ridurre la produzione di specie reattive dell'ossigeno (ROS), migliorando la respirazione mitocondriale: stimola il sistema antiossidante cellulare endogeno con l'attivazione del fattore 2 correlato al fattore nucleare 2 derivato da eritroidi (Nrf2), modula il rapporto tra le forme ossidate e ridotte di nicotinamide adenina dinucleotide (NAD +/ NADH) e aumenta l'efficienza della catena di trasporto degli elettroni attraverso l'espressione delle proteine ​​di disaccoppiamento. 

Inoltre, la dieta chetogenica svolge attività antinfiammatoria inibendo NF-kB e NLRP3 e inibendo le istone deacetilasi, migliorando la codifica della memoria. 

Per quanto riguarda la malattia di Alzheimer, i risultati ottenuti finora applicando la dieta chetogenica al trattamento di diverse malattie neurologiche sembrano essere particolarmente interessanti per il recupero delle funzioni cognitive, sebbene siano numericamente limitati. I pochi studi condotti sugli esseri umani finora disponibili si basano su un progetto pre / post ma senza un gruppo di controllo di riferimento e senza randomizzazione. Di particolare interesse sono stati gli RCT che hanno correlato l'introduzione della chetogenica ad un miglioramento del vocabolario ricettivo verbale e del tempo di reazione nei bambini affetti da epilessia, nonché un miglioramento dell'attenzione e della memoria nei pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati hanno dimostrato le prove causali e hanno sottolineato la necessità di aumentare il numero di studi per dimostrare che il rapporto 4: 1 induce un miglioramento cognitivo nelle malattie neurologiche.

Le tecniche di metabolomica e le metodologie di integrazione basate sulla rete permetteranno di indagare l'interazione tra più geni, epigenetica e fattori ambientali, al fine di comprendere meglio la patogenesi del Morbo di Alzheimer, studiare e monitorare l'attività e l'efficacia di nuovi approcci terapeutici e, infine, sviluppare una gestione personalizzata della malattia.

Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori: Pinto A, Bonucci A, Maggi E, Corsi M, Businaro R.
Fonte:. Antioxidants (Basel). 2018 Apr 28;7(5). pii: E63. doi: 10.3390/antiox7050063.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5981249/
 
DS Medica, da oltre 40 anni si impegna per fornire ai nutrizionisti soluzioni sempre più efficaci per la lotta all’obesità.
Tramite la divisione nutrizione Dietosystem, mette a vostra disposizione tutta l’esperienza e l’innovazione nella Suite Nutrizionale, il software completo per la gestione del paziente obeso.

Per un trattamento “d’urto” del sovrappeso, DS Medica propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.
Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.
E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.
Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti. Risolve l’urgenza della perdita ponderale e permette di accompagnare il paziente ad abitudini equilibrate per il mantenimento dei risultati raggiunti.

Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.
 
E per completare l’offerta low-charb, DS Medica mette a disposizione una linea di snack dolci e salati per la soddisfazione del palato nei pazienti a dieta, senza apporto di carboidrati.