martedì 26 febbraio 2019

Supplementazione proteica e ormoni

Come reagisce il sistema ormonale degli sportivi alle proteine?

imm3L'allenamento è uno dei più forti fattori di stress per il corpo dell'atleta e influenza in modo significativo i cambiamenti nella concentrazione dei vari metaboliti circolanti nel sangue:  l'elevato volume di lavoro e il carico di allenamento complessivo sono i principali fattori che influenzano l'aumento post-esercizio della secrezione di ormoni anabolici come l'ormone della crescita (GH) o l'insulina (I), che stimolano la sintesi proteica muscolare.

Il GH ha un effetto significativo sulla quota di sintesi proteica e sul tipo di substrati metabolizzati durante e subito dopo l'esercizio. Questo ormone stimola anche l'attivazione e la proliferazione delle cellule satelliti che facilitano l'ipertrofia miofibrillare. L'ormone della crescita ha un effetto anabolico sui muscoli scheletrici, stimola la sintesi delle proteine ​​e facilita il trasporto degli aminoacidi nei muscoli scheletrici, influenzando così l'ipertrofia delle fibre muscolari di tipo I e II.

L'insulina è uno degli ormoni anabolizzanti più potenti. Esercita un effetto anabolico attraverso l'aumento della raccolta di aminoacidi nelle cellule muscolari e la stimolazione della sintesi proteica, inibendo indirettamente le reazioni cataboliche che si verificano nel corpo.

Lo stato energetico dell'organismo e l'adeguato apporto di proteine ​​nella dieta influenzano anche la concentrazione del fattore di crescita insulino-simile (IGF-1). L'effetto anabolico di IGF-1 si basa sulla stimolazione dell'assorbimento di amminoacidi da parte dei muscoli e questo fattore ha un effetto significativo sul processo di trascrizione e traduzione della sintesi di mRNA, proteine ​​e condromucoproteine, inibizione della proteolisi e aumento del numero di nuclei cellulari. IGF-1 stimola anche i processi di riparazione nel corpo, attiva la glicolisi, inibisce la lipolisi, stimola il sistema immunitario e inibisce l'apoptosi cellulare.

Il mantenimento della sintesi delle proteine ​​muscolari è legato al turnover e al metabolismo delle risorse proteiche nel corpo. L'assunzione di proteine ​​raccomandata per gli atleti è di 1,5-2 g / kg di massa corporea (BM) e in casi specifici anche di più di 3,0 g / kg di BM. Un'adeguata assunzione di proteine, nonché il tempo e il tipo di integratori alimentari utilizzati, possono avere un impatto diretto sulle risposte endocrine all'allenamento della resistenza e all'ipertrofia muscolare.

Alcuni ricercatori indicano il ruolo significativo dell'integrazione di carboidrati e proteine ​​(CHO-PRO) e l'assunzione di varie frazioni di proteine ​​o amminoacidi liberi prima e dopo l'esercizio nel processo di ipertrofia muscolare. Altri ricercatori suggeriscono un effetto significativo dei suddetti integratori ingeriti dopo l'esercizio e prima di andare a dormire.

Alla luce delle ultime ricerche scientifiche, le proteine ​​del siero di latte e la caseina sono le frazioni proteiche più significative e più interagenti contenute negli integratori.

La proteina di siero di latte è la più efficiente nella somministrazione rapida di aminoacidi nel flusso sanguigno. È caratterizzato da un rapporto ottimale di aminoacidi essenziali (EAA) con una quota eccezionalmente elevata di aminoacidi a catena ramificata (BCAA) e glutammina.

Uno studio recente ha determinato l'effetto della supplementazione di carboidrati-proteine ​​con proteine ​​del siero di latte (CHO-PROw) dopo l'allenamento di resistenza e le proteine ​​della caseina (PROc) prima di coricarsi sulla concentrazione di ormone della crescita (GH), insulina (I) e fattore di crescita insulino-simile (IGF-1), così come l'attività della creatina chinasi (CK).

I ricercatori hanno arruolato nello studio 12 soggetti maschi allenati  (età: 25,8 ± 4,7 anni, esperienza di addestramento 6,1 ± 0,79 anni, massa corporea 75,9 ± 2,7 kg, altezza 171,8 ± 13,3 cm) e li hanno divisi casualmente in un gruppo sperimentale (gruppo E, n = 6) e un gruppo di controllo (gruppo C, n = 6).

Tutti i partecipanti allo studio hanno completato lo squat con bilanciere completo con un carico esterno costante del 90% massimo a ripetizione singola (1 RM) e un volume di 12 serie. In ogni set sono state eseguite tre ripetizioni con 3 minuti di riposo dopo ogni serie. Subito dopo il protocollo di esercizio, i soggetti del gruppo sperimentale hanno ricevuto un complesso di carboidrati-proteine ​​(CHO-PROw) con una dose di 0,5 g / kg di massa corporea, mentre prima di coricarsi hanno ingerito un supplemento proteico (PROc) composto al 90% proteine ​​della caseina con una dose di 0,3 g / kg di peso corporeo.

I risultati  riportano un aumento significativo della concentrazione di GH nel gruppo sperimentale tra il livello di pre-esercizio e dopo 24 ore di recupero (p <0,01), nonché tra 1 ora e 24 ore di recupero (p <0,01). Livelli significativamente più elevati di GH sono stati trovati anche tra il gruppo di controllo e il gruppo sperimentale 24 ore dopo l'esercizio (p <0,01). I risultati hanno mostrato livelli significativamente più elevati di IGF-1 in ambito sperimentale rispetto al gruppo di controllo dopo 24 ore di recupero (p <0,05). Nel caso dell'insulina, non sono state osservate differenze significative nel confrontare i livelli prima dell'esercizio, dopo l'esercizio, dopo 1 ora di recupero e dopo 24 ore di recupero.

Gli integratori non hanno ridotto il danno alla membrana muscolare post-esercizio, come evidenziato dall'attività sierica della CK.

L'assunzione di questi integratori dopo esercizio di resistenza ad alta intensità ha causato un aumento della concentrazione di GH e IGF-1, che potrebbe stimolare l'ipertrofia muscolare e inibire la proteolisi.

Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori:  Wilk M, Michalczyk M, Gołaś A, Krzysztofik M, Maszczyk A, Zając A.
Fonte: Biol Sport. 2018 Dec;35(4):399-405. doi: 10.5114/biolsport.2018.75754.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6358528/

Conoscete Sport Nutrisystem®? È il primo software in grado di conciliare la Scienza della Nutrizione con le esigenze della Medicina dello Sport per ogni disciplina. È uno strumento dinamico, aperto e flessibile che assicura al nutrizionista dello sport rigore scientifico e la praticità necessaria per lo sviluppo di strategie dietetiche mirate.

Da oggi Sport Nutrisystem è disponibile in versione pay for use.

Acquistando esclusivamente le elaborazioni di cui necessita, il professionista oggi può offrire ai propri pazienti la miglior soluzione nutrizionale senza dover sostenere alcun investimento.

Questa modalità è particolarmente indicata nell’avviamento della propria attività professionale o nel completamento dell’offerta ai propri pazienti.

Contattaci per saperne di più!

Inoltre andate a scoprire la linea di integratori proteici di altissima qualità prescrivibili dai nutrizionisti.