martedì 26 novembre 2019

Niente mal di testa con la dieta giusta!

La chetogenica si candida nel trattamento dell’emicrania

Immagine emicraniaSi stima che l’emicrania come mal di testa primario abbia una prevalenza del 14,4% in entrambi i sessi. L'emicrania è stata classificata come il più alto contributo alla disabilità nella popolazione con meno di 50 anni nel mondo.

Sono state condotte ricerche approfondite per chiarire i meccanismi patologici dell'emicrania. Sebbene permangano incertezze, alla base del dolore sembrano responsabili la disfunzione vascolare, la depressione da diffusione corticale (CSD), l'attivazione della via del trigemino, lo stato pro-infiammatorio e ossidativo.

Le conoscenze sui meccanismi fisiopatologici dell'emicrania dovrebbero essere integrate in un approccio terapeutico multimodale per migliorare la qualità della vita nei pazienti, per esempio attraverso gli interventi dietetici.

Sebbene il numero di studi relativi agli effetti della dieta sul mal di testa / emicrania non sia ancora molto elevato, una recente revisione ha selezionato le diverse prove scientifiche e, secondo i risultati attuali, si ritiene che la dieta chetogenica (KD) e la dieta Atkins modificata abbiano un ruolo importante nella neuroprotezione, migliorando la funzione mitocondriale e il metabolismo energetico, compensando la disfunzione serotoninergica, diminuendo il livello del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP) e sopprimendo la neuroinfiammazione.
 

Focalizziamoci sulla chetogenica

L'inizio di un attacco di mal di testa / emicrania può verificarsi a seguito del consumo di specifici alimenti. Questi prodotti alimentari dovrebbero essere identificati ed eliminati. Inoltre, formulare raccomandazioni dietetiche specifiche in base alle esigenze dei pazienti e ai tipi di comorbidità potrebbe essere efficace nel ridurre la frequenza degli attacchi o prevenire l'inizio di un attacco stesso. Le comorbilità consistono in obesità, convulsioni, disturbi gastrointestinali, depressione, ansia e intolleranza alimentare.

In un caso clinico e in una serie di casi, il digiuno modificato era il mezzo per produrre chetosi nei pazienti con mal di testa. Nel caso specifico, una donna con mal di testa cronico usava una dieta a digiuno modificata con 3–4 frullati ad alto contenuto proteico / basso contenuto di carboidrati (200 kcal) al giorno. Dopo l'istituzione della chetosi, gli attacchi di mal di testa sono scomparsi. Questo effetto è rimasto per 7 mesi dopo l'interruzione del digiuno. 

Nello studio della serie di casi citati, 51 adulti con emicrania cronica hanno seguito una dieta ipocalorica (1200-1500 kcal / d) per diversi mesi. È stata osservata una significativa riduzione dei giorni di mal di testa e il consumo di farmaci. Il 28% del campione ha raggiunto la remissione completa dall'emicrania. Inoltre, è stato osservato un miglioramento continuo per 3 mesi dopo l'interruzione della dieta ipocalorica.

L'applicazione di KD per il trattamento del mal di testa risale al 1928. In uno studio recente, 18 adulti affetti da emicrania senza aura hanno seguito una KD per 1 mese. Miglioramenti significativi sono stati riportati in frequenza e durata dei loro attacchi di emicrania. Ciò potrebbe essere spiegato dal fatto che la KD regola l'equilibrio tra inibizione ed eccitazione a livello corticale, come mostrato normalizzando i risultati dei test neurofisiologici.

In un gruppo di 108 pazienti con emicrania, la KD era superiore alla dieta ipocalorica con un tasso di risposta del 90%, mentre la dieta ipocalorica non era efficace. 

Di Lorenzo et al. hanno inoltre segnalato la remissione dell'emicrania a seguito della chetosi in uno studio in aperto su 96 soggetti affetti da emicrania. Durante la fase chetogenica (il primo mese di intervento) nella dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico ( n = 45) è stato dimostrato un miglioramento significativo delle caratteristiche correlate al mal di testa, tra cui la frequenza degli attacchi, il numero di giorni di mal di testa e l'uso di farmaci. È stato inoltre osservato un miglioramento continuo per un paio di mesi dopo l'interruzione della dieta. 

È da notare che sebbene la frequenza dei giorni di mal di testa diminuisca rapidamente nei pazienti che hanno seguito KD, questa è peggiorata quando hanno interrotto la dieta durante il periodo di transizione (dal primo al secondo mese di studio). Inoltre, c'è stata una significativa riduzione della frequenza attacchi di mal di testa e dell'uso di farmaci a seguito della prescrizione di una dieta ipocalorica standard nell'altro gruppo di intervento ( n  = 51) dopo 3 e 6 mesi, rispettivamente.
 

Meccanismo d’azione della chetosi

Secondo la ricerca in vitro, si ritiene che la chetosi possa attenuare la gravità dell'emicrania attraverso la compensazione della disfunzione serotoninergica, l'inibizione dell'eccitabilità neuronale, la riduzione della sintesi e del rilascio di CGRP, la depressione da diffusione corticale (CSD) e il miglioramento della funzione mitocondriale cerebrale. 

Inoltre, studi su modelli murini hanno indicato che la chetosi può prevenire l'infiammazione neurogena che si ritiene svolga un ruolo importante nella patogenesi dell'emicrania. Altri studi sugli animali hanno rivelato che la chetosi potrebbe aumentare i livelli di neuropeptide Y (NPY) e di proteine ​​correlate all'Agouti (AgRP) stimolando la secrezione di grelina dallo stomaco durante lo stato di digiuno. È stato suggerito che AgRP e NPY ipotalamici potrebbero ridurre successivamente il livello di CGRP.

Si può anche ipotizzare che la prescrizione di una dieta a basso contenuto glicemico possa essere promettente nel controllo del mal di testa / emicrania attraverso l'attenuazione dello stato infiammatorio. Inoltre, l'obesità e il mal di testa, in particolare l'emicrania, potrebbero essere correlati tra loro da meccanismi come l'infiammazione e la funzione ipotalamica irregolare. L'applicazione di strategie dietetiche per la perdita di peso potrebbe anche ridurre gli attacchi di emicrania.

Un altro importante intervento dietetico che potrebbe essere efficace nel miglioramento del mal di testa / emicrania è legato all'equilibrio tra l'assunzione di acidi grassi essenziali, omega-6 e omega-3. Questi approcci dietetici potrebbero influenzare le risposte infiammatorie, la funzione piastrinica e la regolazione del tono vascolare. 

Per quanto riguarda la dieta di eliminazione, potrebbe essere principalmente efficace nei pazienti con emicrania con sensibilità alimentari.
 

Autori: Razeghi Jahromi S, Ghorbani Z, Martelletti P, Lampl C, Togha M; School of Advanced Studies of the European Headache Federation (EHF-SAS)
Fonte: J Headache Pain. 2019 Nov 14;20(1):106. doi: 10.1186/s10194-019-1057-1.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6854770/