martedì 29 gennaio 2019

Chetogenica e dimagrimento

Favorevoli anche i medici di famiglia canadesi

imm1Le diete chetogeniche possono aiutare i pazienti a perdere circa 2 kg in più rispetto alle diete a basso contenuto di grassi a 1 anno. La perdita di peso più alta si verifica a circa 5 mesi di trattamento ma spesso non è sostenuta nel tempo.

In una revisione sistematica di 13 studi randomizzati tra diete chetogeniche e quelle a basso contenuto di grassi (N = 1577, 61% donne, BMI da 30 a 43 kg / m2), le pazienti in chetogenica hanno perso 0.9 kg in più rispetto alle altre sia a 12 che a 24 mesi.

Ci sono stati cambiamenti statisticamente significativi ma clinicamente privi di significato nei markers surrogati.

Il tasso di abbandono è stato dal 13% all'84% tra gli studi.

Una revisione sistematica di 11 studi randomizzati (N = 1369, 71% donne, BMI da 30 a 36 kg / m2) ha riscontrato a 6 e a 24 mesi che il gruppo di dieta chetogenica ha perso 2,2 kg in più rispetto al gruppo con basso contenuto di grassi. Le variazioni dei markers surrogati erano simili a quelle del lavoro sopra-citato.

Altre revisioni sistematiche (da 5 a 24 RCT) sono state confuse dai risultati di diete a basso contenuto di carboidrati che probabilmente non erano chetogeniche. I risultati andavano da nessuna differenza a una perdita di 3,6 kg.

Nessuna revisione sistematica o RCT ha esaminato la mortalità o la malattia cardiovascolare.

Un RCT (N = 609) ha rilevato una perdita di peso a 1 anno per le diete a basso contenuto di carboidrati (<20 g / d all'inizio) di 6,0 kg rispetto a 5,3 kg per diete a basso contenuto di grassi (non statisticamente differenti ma la variazione del peso variava da una perdita di 30 kg a un guadagno di 10 kg in entrambi i gruppi).

Questo articolo è pubblicato sul giornale dei medici di famiglia canadesi: una dieta tipica canadese contiene il 48% di carboidrati, il 32% di grassi e il 17% di proteine.

Le diete chetogeniche tendono a ridurre l'apporto calorico.

La maggior parte delle diete chetogeniche inizia con una restrizione di carboidrati inferiore a 20-50 g / giorno (10% dell'apporto energetico) per circa 2 mesi prima della reintroduzione lenta.

Da un altro punto di vista, i dati osservazionali suggeriscono che un basso apporto di carboidrati a lungo termine potrebbe essere associato ad un aumento della mortalità.

Le diete chetogeniche minimizzano l'assunzione di carboidrati e massimizzano l'assunzione di proteine ​​per indurre la chetosi, chetosi che all’inizio può dare effetti collare tali quali alitosi, crampi muscolari, mal di testa. Gli effetti massimi sulla perdita di peso si hanno dopo 5 mesi di trattamento.

Ecco quindi che un programma strutturato in fasi può essere vincente per la compliance del paziente e la sua risposta al dimagrimento.


Autori: Ting R, Dugré N, Allan GM, Lindblad AJ
Fonte: Can Fam Physician. 2018 Dec;64(12):906.
Link della fonte: http://www.cfp.ca/content/64/12/906.long

Approccio diverso è quello del digiuno intermittente (e le diete mima-digiuno) che sembra efficace e incontri la compliance dei pazienti.

In un trial randomizzato di 8 settimane condotto in Australia, le donne in sovrappeso che hanno seguito una dieta a basso contenuto calorico e hanno digiunato 3 giorni alla settimana, hanno perso più peso e hanno avuto migliori marcatori cardiometabolici rispetto alle donne che hanno ridotto il loro apporto calorico, o hanno digiunato, o non hanno seguito nessuno dei due protocolli.

Le migliori? Le pazienti che seguivano una dieta in cui assumevano il 70% del fabbisogno energetico richiesto e digiunavano a intermittenza hanno perso più peso (da 0,5 a 1 kg a settimana).
I risultati degli effetti del digiuno periodico versus la restrizione energetica costante sulla salute metabolica (PREFERsono stati pubblicati nel numero di gennaio di Obesity.

Una dieta a basso contenuto calorico continuo rimane l'intervento fondamentale per ridurre il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari nelle persone sovrappeso. Tuttavia, il digiuno intermittente potrebbe essere una strategia più efficace, almeno nel breve termine, perché le persone trovano difficile attenersi a un piano alimentare ipocalorico.

In questo studio, nei gruppi di digiuno, i partecipanti hanno digiunato dalle 8:00 alle 8:00 in tre giorni della settimana non consecutivi e sono stati autorizzati solo acqua e piccole quantità di alimenti e bevande senza calorie (caffè nero o tè, bevande dietetiche, gomme da masticare o mentine) e 250- mL di un brodo VLCD (20 kcal/250 mL, 2.0 g proteine, 0.1 g grassi, 3.0 g carboidrati) da consumarsi a pranzo o cena.
Tutti gli alimenti venivano consegnati alle donne ogni 2 settimane e le loro diete avevano la stessa composizione in nutrienti (35% di grassi, 15% di proteine ​​e 50% di carboidrati).
Le donne nel gruppo a digiuno intermittente, a ridotto contenuto calorico, hanno mostrato maggiori riduzioni di peso, massa grassa, colesterolo totale e di LDL ​​e acidi grassi non esterificati rispetto alle donne a ridotto apporto calorico o gruppo a digiuno solo intermittente (tutti P ≤ .05).

Leggi l’articolo originale in full text


Autori: AT Hutchison, B Liu , RE Wood, AD Vincent et al. 
Fonte: Obesity. 2019; 27: 50-58.
Link della fonte: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/oby.22345
 
DS Medica, da oltre 40 anni si impegna per fornire ai nutrizionisti soluzioni sempre più efficaci per la lotta all’obesità.
Tramite la divisione nutrizione Dietosystem, mette a vostra disposizione tutta l’esperienza e l’innovazione nella Suite Nutrizionale, il software completo per la gestione del paziente obeso.
Per un trattamento “d’urto” del sovrappeso, DS Medica propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.
Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.
E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.
Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti. Risolve l’urgenza della perdita ponderale e permette di accompagnare il paziente ad abitudini equilibrate per il mantenimento dei risultati raggiunti.

Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.
 
E per completare l’offerta low-charb, DS Medica mette a disposizione una linea di snack dolci e salati per la soddisfazione del palato nei pazienti a dieta, senza apporto di carboidrati.