martedì 29 ottobre 2019

Giù il colesterolo

Abbassare il colesterolo si può, anche con gli integratori

imm155/70/100/116 sono i livelli goal di LDL in mg/dl raccomandati per le persone con rischio cardiovascolare molto elevato/alto/moderato/basso, rispettivamente. Obiettivi da raggiungere con ogni mezzo. Oltre alle modifiche dello stile di vita, sono disponibili statine e farmaci nuovi.

Un corretto stile di vita si raggiunge anche con l’utilizzo di integratori, come ribadito nelle nuove linee guida per la gestione del rischio cardiovascolare stilate dalla European Society of Cardiology (Esc) e dalla European Atherosclerosis Society (Eas). Più di un italiano su due con livelli di colesterolo fuori norma usa integratori alimentari per tenere sotto controllo la dislipidemia.

Quali sono gli integratori alimentari che riducono il colesterolo? Fitosteroli, monakolina dal riso rosso fermentato, fibre, soia e policosanoli- berberina. Vediamoli in dettaglio.

Fitosteroli
I principali fitosteroli sono sitosterolo, campesterolo e stigmasterolo; si trovano naturalmente negli oli vegetali e in quantità minori nelle verdure, frutta fresca, noci, cereali e legumi. L'assunzione alimentare di steroli vegetali varia tra una media di 250 mg / die nel Nord Europa e ∼500 mg / die nei paesi del Mediterraneo. I fitosteroli competono con il colesterolo per l'assorbimento intestinale, modulando così la colesterolemia.

Il consumo giornaliero di 2 g di fitosteroli può effettivamente ridurre i livelli di TC e LDL-C del 7-10% nell'uomo (con un certo grado di eterogeneità tra gli individui), mentre ha un effetto scarso o nullo sui livelli di HDL-C e TG. Tuttavia, ad oggi non sono stati condotti studi sul successivo effetto sulla CVD. Sulla base della riduzione del LDL-C e dell'assenza di eventi avversi, possono essere presi in considerazione alimenti funzionali con steroli / stanoli vegetali (≥2 g / giorno con il pasto principale):
- in soggetti con livelli elevati di colesterolo a livello intermedio o basso CV globale rischio che non si qualificano per la farmacoterapia;
- in aggiunta alla terapia farmacologica in pazienti ad alto e altissimo rischio che non riescono a raggiungere gli obiettivi LDL-C su statine o non possono essere trattati con statine; e
- in adulti e bambini (di età> 6 anni) con FH, in linea con la guida attuale.
 
Monacolina e riso rosso fermentato
Il riso rosso (RYR) è una fonte di pigmento fermentato che è stato usato in Cina come colorante alimentare e esaltatore di sapidità da secoli. Gli effetti ipocolesterolemizzanti della RYR sono correlati a un meccanismo simile alle statine — l'inibizione dell'idrossimetilglutaril-coenzima A (HMG-CoA) reduttasi — delle monacoline, che rappresentano l'ingrediente bioattivo. Diversi preparati commerciali di RYR hanno concentrazioni diverse di monacoline, ma il consumatore non è in grado di fare tale distinzione. Nell'unico RCT disponibile in pazienti con malattia aterosclerotica, un estratto parzialmente purificato di RYR ha ridotto gli eventi ricorrenti del 45% .

È stato osservato un effetto ipocolesterolemizzante clinicamente rilevante (fino a una riduzione del 20%) con i preparati RYR che forniscono una dose/die di 2,5-10 mg di monacolina K. I nutraceutici contenenti RYR purificato possono essere considerati nelle persone con elevate concentrazioni plasmatiche di colesterolo che non si qualificano per il trattamento con statine in considerazione del loro rischio CV globale.

Fibra alimentare
Le prove disponibili dimostrano un effetto di riduzione del TC e LDL-C del β-glucano, una fibra viscosa da avena e orzo. Gli alimenti arricchiti con queste fibre o integratori sono ben tollerati, efficaci e raccomandati per l'abbassamento di LDL-C. Tuttavia, il dosaggio necessario per ottenere una riduzione clinicamente rilevante dei livelli di LDL-C del 3-5% varia da 3 a 10 g al giorno in base al tipo specifico di fibra.

Soia
L'effetto ipocolesterolemizzante della soia è generalmente attribuito al suo contenuto di isoflavone e fitoestrogeni, che diminuisce progressivamente con l'aumentare del grado di elaborazione della soia. È stato anche indicato che le proteine ​​di soia sono in grado di indurre un modesto effetto di riduzione del LDL-C durante la sostituzione di alimenti proteici animali. Tuttavia, ciò non è stato confermato quando sono state prese in considerazione le variazioni di altri componenti dietetici.

Policosanolo e berberina
Il policosanolo è una miscela naturale di alcoli alifatici a catena lunga estratti principalmente dalla cera di canna da zucchero. Gli studi dimostrano che il policosanolo da canna da zucchero, riso o germe di grano non ha effetti significativi su LDL-C, HDL-C, TG, ApoB, Lp (a) livelli di proteina C-reattiva ad alta sensibilità, omocisteina, fibrinogeno o coagulazione del sangue.

Per quanto riguarda la berberina, una recente meta-analisi ha valutato i suoi effetti sui lipidi plasmatici nell'uomo. La valutazione comparativa degli interventi con berberina e sullo stile di vita o sul placebo ha indicato che nel gruppo con berberina, i livelli di LDL-C e TG nel plasma erano ridotti in modo più efficace rispetto al gruppo di controllo ma lo studio era carente nella qualità della randomizzazione.

3 Italiani su 4 vorrebbero conoscere cause, rischi e strategie di prevenzione dell’ipercolesterolemia, riconosciuta come uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare.
Il 73% già conosce la possibilità di utilizzare gli integratori. L’informazione che attendono è sulla scelta del prodotto giusto, che rispetti i criteri di purezza e qualità di produzione e che quindi sia affidabile.
 

Autori: F Mach, C Baigent, AL Catapano et al
Fonte: European Heart Journal, ehz455, https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehz455
Link della fonte : https://academic.oup.com/eurheartj/advance-article/doi/10.1093/eurheartj/ehz455/5556353